Il 1 dicembre 1923 crollava la diga del Gleno, 359 i morti, la Valle di Scalve profondamente sconvolta e devastata.

Inseguendo il falso mito del progresso e la logica senza scrupoli del profitto, imprenditori e membri delle istituzioni causarono l’immane tragedia.

Oggi, 4 agosto 2019, la diga è diventata il suggestivo scenario per l’emozionante concerto di Andrea Tonoli

Perchè la memoria non si perda e non si commettano più gli stessi errori. Perché le montagne siano sempre più luogo di cultura e incontro.

Un brano di Andrea Tonoli: https://www.youtube.com/watch?v=vJauppm3pEs

Estratto del DVD “Il disastro del Gleno” : https://www.youtube.com/watch?v=IrJv7WFLnyQ